RICETTE

Le ricette di carni bianche di Massimo Piccheri

La carne bianca va sempre consumata ben cotta, generalmente cucinata al vapore o bollita perché sia ancor più salutare, o saltata alla griglia per aver pronto in pochi minuti un piatto veloce mantenendo al minimo l’apporto dei grassi.

Si può variare con estro e fantasia da un pollo in agrodolce alle più classiche scaloppine al vino o al limone, da gustosi involtini ripieni alle costolette di suino panate. Ed ancora dal vitello allo zenzero ad invitanti filetti Tournedos allo spiedo con panzanella passando per un carrè alla crema di zucca.

Oltre alle comuni verdure da accompagnare come contorno, una buona salsa renderà ancor più gradita la vostra creazione culinaria, per non rinunciare ad un gusto ricercato pur mantenendo il peso forma.

Ideale per arricchire le carni bianche cotte, grigliate o bollite può essere una salsa ai peperoni, dai toni agrodolci, o una salsa alla menta, per dare un tocco mediterraneo alle vostre carni abilmente preparate, o la salsa tartara, densa e chiara a base di maionese.

Le salse presentano degli allestimenti semplici, deliziosi e saporiti da portare in tavola, perfette per un valore aggiunto ad ogni ricetta.

Tutti i benefici della carne bianca

La carne contiene aminoacidi necessari ai processi metabolici dell’organismo, al contempo è una fonte illimitata di proteine ad alto valore biologico, è ricca di sali minerali e vitamine ed aiuta a conservare e ad ampliare la massa muscolare mantenendo la struttura ossea in salute.

La colorazione della carne si determina dai valori della mioglobina, una proteina globulare che si trova nei muscoli degli animali.

Le carni bianche sono solitamente quelle di pollo, di tacchino, di vitello, di coniglio, di capretto o di agnello.

Generalmente si consiglia di preferire il consumo di carni bianche a quelle rosse, poiché povere di colesterolo e maggiormente digeribili tramite lo scarso contenuto di tessuto connettivo, che le rende carenti di grassi saturi (solo l’1% nel petto di pollo e l’1,5% nel tacchino) riducendono quindi l’apporto calorico a fronte equivalente di quello proteico.

Carne bianca e salute

I grassi contenuti nella carne bianca sono polinsaturi e non aumentano il rischio di gravi disturbi come il diabete o malattie cardiache e vascolari, oltre ad essere particolarmente graditi da chi tiene costantemente il peso corporeo sotto controllo.

Le carni bianche, dunque, sono a livello nutritivo nelle diete ipocaloriche una valida alternativa ad alimenti ben più densi di grassi, oltre ad avere il vantaggio di essere più agevolmente masticabili e digeribili.

Esse sono ricche di proteine nobili (intorno al 20%) fondamentali per rafforzare il sistema immunitario, rinnovare i tessuti organici e per la formazione degli enzimi e degli ormoni. Sono inoltre ricche di aminoacidi ramificati, indispensabili nel metabolismo muscolare e nel favorire l’espulsione delle tossine relative allo svolgersi di un intenso lavoro atletico.

Le carni bianche contengono le vitamine del gruppo B come niacina, tiamina, riboflavina, vitamina B6 e acido pantotenico, importanti per un corretto funzionamento del sistema nervoso e del fegato, e sono ricche di minerali, come zinco, selenio, ferro e rame, rendono la carne, ad esempio, di pollo, un alimento valido dall’elevata qualità nutrizionale.

La carne bianca non mette a rischio le arterie e non sovraccarica i reni, fornisce proteine altamente assimilabili, consente una rapida azione dei succhi gastrici e contiene il triptofano, un amminoacido precursore dei neurotrasmettitori del benessere come la seratonina, ormone che regola il buonumore a livello cerebrale.

La dieta mediterranea consiglia il consumo di carne per tre o quattro pasti per settimana, limitando a non più di due pasti alla settimana per il consumo di carne rossa.

Carne bianca e sostenibilità

L’importanza e la validità degli alimenti a base di carne bianca è stata riconosciuta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), considerando questi cibi favorevoli ed economici per i Paesi in via di sviluppo, poiché sono in grado di fornire elevate concentrazioni di nutrienti essenziali rispetto ad altri alimenti di scarsa o dispendiosa accessibilità.

Carne bianca in gravidanza e svezzamento

Una dieta varia ed equilibrata, con un bilanciato apporto di carne bianca, è consigliabile anche durante la gravidanza, delicato periodo in cui, per la crescita del feto e la buona salute della madre, occorrano proteine complete ad altissimo assorbimento, che facilmente nella carne e nei prodotti animali possono essere recuperate.

Il tacchino ed il pollo sono tra la carni più consigliate durante lo svezzamento, a causa dell’abbondante contenuto di amminoacidi essenziali come l’arginina, l’istidina e la lisina (essenziale per i bambini in fase di crescita) e per il loro essere facilmente digerbili e caratterizzate da bassissima allergenicità.

Bocconcini di pollo alla thailandese

Bocconcini di pollo alla thailandese

Ingredienti per 4 persone 5 sovracosce di pollo (senza osso) 100 g di germogli di soia 80 g di uvetta 3 zucchine 100 g di mandorle sgusciate a lamelle ½ bicchiere di salsa di soia 172 bicchiere di latte di cocco radice di zenzero pepe di Szechuan 240 g di riso thai...